Città eterna

21 aprile Natale di Roma

{ 07:10, 21/04/2010 } { Lien }

 

 
 
Rome, anniversaire 2763 
en cliquant sur l'mage le lien au site de la mairie
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
et  la légende de la louve
dessin de M. Pietro Valenti
 

Romulus et son frère jumeau Remus sont les fils de la vestale Rhea Silvia et du dieu Mars.
Rhea Silvia est la fille de
Numitor, roi de la légendaire ville latine d'Alba Longa (fondée par Ascagne, fils d'Enée) et dépossédé du trône par son frère Amulius. Celui-ci, craignant que ses petits-neveux ne réclament leur dû en grandissant, les fait jeter dans le Tibre en crue.
Mais l'ordre est mal exécuté, les nouveaux-nés sont abandonnés dans une fondrière du fleuve et survivent miraculeusement. Ils sont nourris par une louve et par un pivert, l'oiseau de Mars, puis découverts par
le berger Faustulus et sa femme Larentia (selon Tite-Live, une prostituée que les bergers surnommaient Lupa, la Louve, d'où l'histoire) qui les élèvent. Plus tard, les jumeaux, à qui est révélé le secret de leur naissance, tueront Amulius (égorgé par Remus selon certains, transpercé par l'épée de Romulus selon d'autres) et restaureront leur grand-père Numitor sur le trône d'Albe. 

 

 

 

La leggenda della lupa

 

Enea, sfuggito alla distruzione di Troia, dopo un lungo peregrinare, arrivò nel Lazio e si stabilì su un terreno che gli venne concesso dal re Latino. Qui Enea sposò la figlia del Re, la bella Lavinia ed in suo onore fondò la città di Lavinio.
Dopo undici generazioni, il re Proca, discendente diretto di Enea, ebbe due figli, Numitore ed Amulio; quest’ultimo, il minore, usurpò il trono del fratello e ne uccise il figlio maschio. Salvò invece la figlia femmina Rea Silvia, ma, per evitare che mettesse al mondo dei figli che un giorno avrebbero potuto rivendicare il trono, la obbligò a diventare sacerdotessa della dea Vesta, vincolata alla castità.
Rea Silvia fu posseduta con la forza dal dio Marte e dall'unione nacquero i due gemelli più celebri al mondo: Romolo e Remo.
Per ordine di Amulio, la madre fu mandata a morte, ma il fiume dove il corpo fu gettato ne ebbe pietà e la resuscitò. I figli le vennero tolti per essere uccisi, ma il servo incaricato del delitto ebbe compassione dei due pargoli, li mise in una cesta e li affidò alle acque del fiume Tevere.
A causa delle forti piogge, il Tevere era straripato ed aveva allagato i campi formando grandi pozze d'acqua, in una delle quali si fermò la cesta coi due bambini. I due gemelli furono ritrovati da una Lupa
che li allattò, salvandogli la vita. Fu così che un pastore di nome Faustolo, passando di lì si accorse dei bambini e li portò alla moglie Acca Laurenzia che si occupò di farli crescere; Faustolo li chiamò Romolo e Remo.
Per qualcuno la “lupa” in effetti non era altro che la stessa Acca e l’equivoco si spiegherebbe con il fatto che in latino il termine “lupa” era il nome usato per indicare le prostitute. I due gemelli crebbero ed una volta venuti a conoscenza della loro origine reale, decisero di vendicarsi: uccisero l’usurpatore Amulio e Numitore ritornò re di Alba Longa. In seguito, Romolo e Remo, tornarono sulle rive del Tevere, dove decisero di fondare una nuova città nei luoghi in cui furono allevati.
Per la leggenda era il 21 aprile del 753 a.C.
I due gemelli litigarono sul nome da dare a questa nuova città e così decisero di affidarsi al volere degli dei e di osservare il volo degli uccelli per interpretarlo: Remo avvistò per primo sei avvoltoi ma subito dopo Romolo ne vide dodici.
La parte seguente della leggenda ha due versioni. Secondo la prima versione i due contendenti si misero a litigare, giunsero alle mani e Romolo uccise il fratello. La seconda versione, ed anche la più diffusa, sostiene che Remo accettò la vittoria del fratello, il quale prese un aratro e tracciò un solco per segnare la cinta della città, che da lui fu chiamata Roma.
Sul solco venne costruita una cinta muraria e vi fu messo a guardia Celere, cui Romolo impartì l'ordine di uccidere chiunque avesse cercato di scavalcarla. Remo, che non era a conoscenza dell'ordine imposto dal fratello, giudicando le mura troppo basse cercò di scavalcarle e fu ucciso.
Secondo un'altra versione, invece, Remo scavalcò la cinta per schernire il fratello e proprio da lui fu ucciso.
Le innumerevoli versioni della leggenda di Romolo e Remo e della fondazione di Roma, miravano alla glorificazione degli antenati dei Romani e della famiglia Giulia.

 

 

 




{ Page précédente } { Page 6 sur 195 } { Page suivante }

Qui suis-je ?

Accueil
Qui suis-je ?
Archives
Amis
Album photos

«  Octobre 2017  »
LunMarMerJeuVenSamDim
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031 

Menu

le cose sono come sono
camping car
Colori
Parigi
Roma in camper
restaurants choisis
cartoline virtuali
chez monette*

Rubriques

Chiese e basiliche
coup de coeur
cultura
i sette colli
itinerari
libri
Musei e monumenti
obelischi
storia histoire
vert
ville e giardini
www.flickr.com
delias2 roma photoset delias2 roma photoset

Derniers articles

promenade dessinée à Rome
oltre il Nido- expo experience didactique aux Mercati di Traiano
poubelle et sauvegarde
mes images
Au printemps
21 aprile Natale di Roma
Rome vue du ciel _roma dal cielo
La Neige!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Amis

milou
dede
ysa
monette
red
darfour
nulanhic
echosdd
didi
lan
dandylan




Click for Rome, Italy Forecast Vols Pas Cher - Voyages